Contributo

Messaggio del Presidente Romano Prodi

Desidero rivolgere un ringraziamento all’Istituto Mediterraneo per l’Asia e l’Africa per l’invito a partecipare oggi a questa giornata seminariale. Sono davvero dispiaciuto di non poter prendere parte ai lavori dedicati al grande tema dello sviluppo dei Paesi africani, associato a quello cogente della migrazione e al ruolo che il nostro Paese può svolgere nello scenario del Mediterraneo, suo alveo naturale di appartenenza. L’Africa è in via di grandi trasformazioni. Ci troviamo dinnanzi ad uno scenario composito dove al tasso di sviluppo africano si associano situazioni complesse: la fortissima crescita demografica, la gestione delle risorse idriche, la penetrazione sempre più profonda della Cina che guarda all’Africa come ad una strada obbligata e necessaria. A questo si aggiunge il pericolo del terrorismo e la spinta migratoria non destinata a cessare nel breve periodo. Da questi processi di cambiamento né l’Europa né l’Italia possono restare escluse. Sul piano politico la situazione è tale che richiederebbe un grande sforzo da parte dell’Europa per uscire dall’ottica degli interventi dei singoli Paesi e approdare finalmente ad un grande piano europeo. E se questo per ora resta come una sorta di immagine utopica, è pur vero che solo un grande piano comune, europeo e cinese, di investimenti e infrastrutture potrebbe segnare un epocale cambio di rotta nella gestione del problema. Con senso di realismo devo però aggiungere che siamo molto lontani da tutto ciò. Tuttavia anche solo se osserviamo il fenomeno migratorio, è di immediata comprensione che non siamo dinnanzi a problemi affrontabili da un singolo Paese. Un solo dato: l’età mediana in Africa è di 17 anni, quella italiana di 47. Il problema durerà anni e sarà di ingente portata. Mi fermo qui ma, come sapete, il mio interesse per l’Africa è da sempre molto forte e quindi il mio augurio di buon lavoro è sincero, così come lo è il rammarico di non poter condividere con voi le importanti riflessioni di oggi. Rivolgo a tutti voi, all’Istituto Mediterraneo per l’Asia e l’Africa e a tutti i relatori, il mio più caro saluto.

Buon lavoro

Romano Prodi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: